Il rifugio dei ciclisti

Non fatevi ingannare: l’aspetto quasi sonnacchioso è una finzione. Il parco del Pineto non è solo un giardino urbano per le famiglie in visita ai parenti ricoverati al Policlinico Gemelli o all’ospedale Cristo Re.

Ph. Roberta Venditti

Ph. Roberta Venditti

Non è un polmone verde scampato alla speculazione solo per ospitare i cinofili del quartiere, affannati a trattenere bracchetti e volpini in vena di festeggiamenti troppo energici. E non è nemmeno, come potrebbe sembrare a un'occhiata rapida nel momento sbagliato, il rifugio delle coppiette più giovani impegnate a guardarsi negli occhi, al riparo degli olivi più frondosi o magari sui sedili scheggiati delle poche panchine, in attesa di manutenzione.

Il Pineto è tutto questo, ma solo per la tolleranza dei veri padroni: i ciclisti. Più che di un parco, in certi angoli sembra una pista amatoriale di ciclocross, con giovanotti in preda all'adrenalina e ragazzine vestite in tute sgargianti.

Ph. Roberta Venditti

Ph. Roberta Venditti

Sentieri impegnativi, con salti e curve secche, ma anche percorsi tranquilli, con i papà del nuovo millennio che esercitano la pazienza accanto ai cuccioli dotati di bici con rotelle di sicurezza. Rettilinei sereni, sufficienti a rimettere il sangue in circolo, ma anche pendii scoscesi, a permettere tuffi furibondi tra i cespugli di rovo per ottenere polpacci di bronzo, e pazienza se il prezzo da pagare, almeno una volta, è un ginocchio sbucciato sulla ghiaia.

Ma c'è ed è palese una cifra generale di civiltà e rispetto, forse persino inconsueti per un parco romano. Lo indica l’inevitabile casco, che testimonia assieme l'ansia delle mamme e le voglie competitive degli adolescenti. Lo indica allo stesso modo la serie di cartelli illustrativi, che richiamano alla tutela del bene pubblico e invitano al coinvolgimento nella difesa del Pineto.

Ph. Roberta Venditti

Ph. Roberta Venditti

Sembra suggerirlo persino il tono pacato delle conversazioni. Quasi un modo di ricordare che l'energia propria può andare a fianco della compagnia altrui, soprattutto quando l’aria da respirare a polmoni aperti è pulita e lo sfondo è verde.

Roberta Venditti - Trekking

Scroll

This website uses cookies to improve your experience